Partita intensa e combattuta quella del confronto casalingo del Padova contro il Bolzano di sabato 8 giugno. La squadra ospite ha dato gran filo da torcere ai padovani ed il punteggio finale parla chiaro: 4 a 3 per il Padova, al primo extra-inning giocato al tie-break.

Parte forte il Bolzano con 2 punti siglati sin dal primo attacco, punti che consolidano la sua supremazia fino al 4 inning con il Padova che, in progressiva rimonta, riesce così ad agguantare il pareggio nell'inning successivo.

Al sesto attacco, complice un balk chiamato al lanciatore padovano, il Bolzano passa nuovamente in vantaggio, ma viene subito raggiunto nello stesso inning con il punto siglato da Faccini, autore di un doppio, spinto poi a casa da una serie di basi su ball.

Il pareggio finale di 3 a 3 si profila nei tre inning successivi con il Padova "sprecone" che lascia sulle basi tre uomini nel corso dell'ottavo attacco.

Ma la tensione della partita, sempre giocata con grande intensità da entrambe le formazioni, si condensa tutta al 10 inning.

 

Il Bolzano dispone i suoi corridori in prima e seconda base e sul monte di lancio padovano ritroviamo ancora Giovanni Faccini, vero dominatore dell'incontro, che dopo 9 innings "gestiti" egregiamente (10 gli strikes-out ottenuti e solo 2 valide subite) non lesina la concentrazione ed il controllo indispensabili in situazioni come questa, e vanifica i tre tentativi di attacco del Bolzano, risolti con un bunt (che comunque ha fatto avanzare i corridori sulle basi) un ennesimo strike-out, e l'ultima volata felicemente annullata dall'ottimo Spinelli in prima base.

 

Tocca ora al Padova tentare la volata finale, ed in base ritroviamo Matteo Botteri in seconda, seguito da Faccini in prima.

Nel box di battuta è il turno di Alberto Botteri, il quale si ritrova sotto di due strikes dopo i primi due lanci.

Ma è proprio in situazioni come questa che l'esperienza ed il sangue freddo si rivelano sempre determinanti.

Ed infatti Botteri controlla e difende il piatto con almeno 5 o 6 palle "sprizzate" in foul, alla ricerca della "sua palla" che, sfortunatamente per il Bolzano, non si fa scappare infilando una valida che lambisce la terza base, con un razzo lungo-linea.

La corsa velocissima di Matteo Botteri dalla seconda a casa base innesca l'esplosione di entusiasmo dell'intera squadra e di tutto il pubblico presente per la bella e sofferta vittoria così ottenuta.

 

Lo score registra poche valide per il Padova (3 per Faccini ed 1 ciascuna per Botteri Alberto ed Andrea) oltre ad alcuni errori difensivi che impensieriscono ancora il manager Flores d'Arcais.

 

Ma la partita offerta dal Padova ha ripagato l'entusiasmo dimostrato dai numerosi tifosi presenti sugli spalti, lasciando ben sperare per un buon finale del girone di qualificazione.

Prossimi incontri: domenica 16 e 30 giugno a Romano d'Ezzelino e Vicenza, mentre per la prossima partita casalinga bisognerà attendere il 7 luglio, ospite il Rovigo.